logo

logo

giovedì 26 giugno 2014

Vendere torte fatte in casa - Parte IV

L'ultima volta ci siamo lasciati con l'indicazione delle Linee Guida..
oggi vorrei portare la vostra attenzione su alcuni aspetti e cercare di rispondere alle domande che molte persone mi hanno posto.

Regime Fiscale:
in molti mi hanno chiesto se sia necessario aprire la P.iva o meno..
premetto che il consiglio più saggio e più serio è quello di rivolgersi ad un commercialista.

Nel mio caso avevo già una Partita Iva (per l'attività principale che svolgo da diversi anni), quindi in realtà non ho dovuto stravolgere la mia posizione fiscale.

Chi si trova nella mia situazione potrebbe semplicemente aggiungere un codice attività alla propria partita iva.
Attenzione ad un aspetto però: l'attività di produzione e commercializzazione di alimenti comporta l'iscrizione in Camera di Commercio e da ciò ne consegue anche una determinata posizione Inps.

lunedì 16 giugno 2014

Vendere torte fatte in casa - Parte III

Ed eccoci ad una nuova puntata..
come promesso, di seguito troverete le linee guida dell'Asl che ho seguito, anche grazie all'aiuto del Dott. Paschetto, per "regolarizzare" il mio laboratorio.
Per evitare errori di trascrizione ho preferito fare "copia e incolla" del contenuto del documento:

"L'attività in progetto, nonostante la particolare situazione in cui verrà effettuata (in abitazione privata), si configura a
tutti gli effetti in modo analogo a un'Impresa Alimentare di produzione prodotti da forno in esercizio commerciale,
presentandone il medesimo profilo di rischio igienico sanitario (in quanto vengono preparati i medesimi tipi di
alimenti), e le si richiedono simili requisiti igienico-sanitari, pur tenendo conto della particolare condizione di
attività svolta in abitazione privata. In sintesi, possiamo elencare una serie di requsiti igienico-sanitari da
garantire:

A. E' necessario disporre di locali o aree specifici per le lavorazioni alimentari (laboratorio specifico o, almeno,
area specifica dedicata in cucina) e per il deposito delle materie prime alimentari e dei prodotti finiti (dispensa o,
almeno, area attrezzata della cucina/laboratorio).

B. E' necessario che tutte le attrezzature e i locali utilizzati per l'attività (compreso il servizio igienico) siano
mantenuti in uno stato di igiene controllato, quindi:
- prima di iniziare le lavorazioni alimentari sarà necessario:
• pulire e sanificare tutti i locali e le superfici di lavoro utilizzate per le lavorazioni
• pulire e sanificare il servizio igienico utilizzato dalle persone addette alle lavorazioni alimentari
- durante l'orario di in cui si effettuano lavorazioni alimentari:
• nei locali e aree di lavorazione deve essere impedito l'accesso di animali domestici e l'accesso di persone
estranee a quelle incaricate delle lavorazioni alimentari.
• Il personale addetto alle lavorazioni deve indossare abbigliamento dedicato (divisa da lavoro mantenuta
pulita) e le adeguate protezioni (es. copricapo); le divise da lavoro devono essere riposte in armadietto
spogliatoio ad uso dedicato esclusivo.
• si deve pulire e sanificare costantemente il servizio igienico utilizzato dalle persone addette alle lavorazioni
alimentari, se utilizzato anche da altre persone residenti nell'abitazione durante gli orari di lavorazione.

lunedì 9 giugno 2014

Vendere torte fatte in casa - Parte II

Eccoci alla seconda puntata ;)
In questo post cercherò di spiegarvi i passaggi che ho seguito, con la collaborazione del Dott. Daniele Silvio Paschetto, per creare il mio laboratorio domestico.

Innanzi tutto, essendo a conoscenza di un incontro che si era tenuto il 05/12/2013 presso la Camera di Commercio di Torino, nel corso del quale era stato affrontato il tema a noi caro, ho richiesto informazioni a proposito.

Per quanto appreso, gli Ispettori/Responsabili anche in tale occasione, avevano chiaramente specificato che il Regolamento 852/2004 andava interpretato in modo restrittivo e cioè sarebbero state necessarie due distinte cucine nella medesima abitazione per poter commercializzare gli alimenti prodotti in abitazione privata.
Purtroppo, la Camera di Commercio non ha messo a disposizione, al momento della mia richiesta, il materiale relativo a tale incontro.

Ho pertanto comunicato queste informazioni al dott. Paschetto, unitamente alla Nota della Reg. Piemonte (di cui ho parlato nel precedente post) ed alla documentazione prodotta da Mary Rimola in merito alla sua esperienza del 2009 (vedi link Dolciconme e Cucina Nostra APS su Facebook).

Stanti le premesse, quindi, la prima attività posta in essere è stata quella di contattare alcune Asl territoriali (nel mio caso della Regione Piemonte) e relativi Servizi Sian (Igiene degli Alimenti e della Nutrizione) per comprendere come la normativa europea (Regolamento 852/2004) fosse stata recepita a livello pratico e non solo teorico.

mercoledì 4 giugno 2014

Vendere torte fatte in casa - Parte I

Chi mi conosce un po' sa che ho sempre avuto la passione per la cucina ed il desiderio di avere un locale tutto mio in cui cucinare e coccolare gli altri con bontà culinarie.
Purtroppo questo è sempre stato un sogno troppo costoso per le mie tasche.

Navigando su internet nell'ultimo anno ho spesso trovato testimonianze di cittadini dell'Unione Europea che, grazie a specifiche legislazioni, potevano vendere "legalmente" gli alimenti prodotti in casa propria.
Per contro, leggevo spesso annunci, su vari siti di vendita on line, di cittadini italiani che vendevano/proponevano gli alimenti più svariati (pasta fresca, olio, cake design) prodotti in casa ma senza sottostare ad alcuna normativa.

Ho quindi deciso di approfondire l'argomento scoprendo con grande stupore ed interesse che i "concittadini" europei si erano mossi sulla base di una specifica normativa, il Regolamento Europeo 852/2004, Allegato 2, Capitolo III, totalmente disatteso in Italia. (potete trovarlo su Internet, oppure scrivetemi via mail all'indirizzo tortandgo@gmail.com per riceverne copia).

lunedì 2 giugno 2014

Un pò di dolcezza...

Un'amica mi ha chiesto una piccola tortina da mangiare in famiglia, con il marito e i due figli..qualcosa di semplice, per celebrare l'amore in famiglia..ed allora, tanti tanti cuoricini ;)
Ecco il risultato..

Pan di spagna e ripieno di Nutella..